Gli autobus in Perù? Avanti anni luce…

autobus peru

La nostra idea iniziale di spostarci con auto a noleggio, è stata immediatamente scartata: in Sud America non si viaggia così. Chiedetelo in giro o cercate info su qualche forum e ne avrete conferma. Al che, quando ho realizzato che avremmo utilizzato i mezzi pubblici, mi sono preoccupato e non poco. Ho pensato: ma se in Italia siamo messi così male con i trasporti, chissà come sarà da quelle parti!
Invece sapete com’è da quelle parti? Guardate un po’…

Premetto che la mia esperienza per ora riguarda solo la prenotazione delle prime tratte in Perù ma se questi sono i presupposti, non vedo l’ora di avere la conferma su strada. E chi è stato, assicura un servizio top.

In Perù c’è questa società che si chiama Cruz del Sur specializzata in trasporti via autobus. Sito web in 7 lingue (tra cui italiano), tanto per iniziare.
Affronto subito la prenotazione della tratta più lunga, ovvero Nasca-Cusco (14 ore di viaggio) immaginandomi una sfacchinata a bordo di corriere a pezzi coi sedili unti. Ma quando si apre il modulo di booking online inizio a capire di essermi fatto un’idea sbagliata: mi fanno scegliere il posto, primo o secondo piano, mi fanno inserire documento d’identità e dulcis in fundo, selezionare un menu per la cena e la colazione (tra cui un’opzione vegetariana). A quel punto, incuriosito, prima di procedere navigo per il sito e scopro la gallery con le immagini degli autobus in dotazione: quasi non ci credo!

Servizio hostess, kit di viaggio compreso nel prezzo (coperta, para-occhi, tappi, ecc), schermo touch-screen, wi-fi, presa corrente, bagno chimico, geolocalizzazione gps per la sicurezza. Partenza la sera e arrivo la mattina successiva. Il tutto a 47 dollari a testa (circa 35 euro). In 3 passaggi completo la prenotazione e pago con carta di credito, ricevo immediatamente email con ricevuta e biglietto. Meglio di una compagnia aerea.

Nella pagina Filosofia del sito leggo: “Cerchiamo di mantenere un rendimento che sostenga lo sviluppo dell’azienda e la sicurezza dei suoi lavoratori, rispettando l’ambiente e la società nell’insieme.

E per fortuna che questo è il terzo mondo… 😉

 

Annunci